CONDIVIDI
Allevamenti intensivi di maiali

Mercoledì 15 marzo andrà in onda su Rai Due, Animali come noi, un documentario inchiesta sugli allevamenti intensivi italiani. La prima puntata sarà dedicata alle orrende condizioni dei suini. La giornalista, Giulia Innocenzi, dopo un anno dalla sua prima inchiesta shock sugli allevamenti di maiale nella Pianura Padana ha voluto verificare se le condizioni di quegli animali fossero cambiate. Per capirlo è ritornata negli stessi allevamenti. Scoprendo che questi luoghi di tortura sono ancora fuori legge nonostante l’intervento della procura e dei Nas. Nel video si vedono topi che corrono ancora indisturbati. Le feci dei maiali scorrono nel mangime, con gravi possibilità di malattie anche per gli umani. Le gabbie delle scrofe sono esattamente quelle di prima, quasi più piccole del loro corpo, tanto da provocare ferite agli animali. Le condizioni di detenzione sono persino peggiorate. La giornalista ha trovato maiali che non hanno più la coda o che sono sanguinati perché si mangiano fra di loro a causa delle condizioni di stress in cui sono costretti a sopravvivere. Il Min. Lorenzin aveva promesso controlli per fermare questi continui abusi contro questi animali. Il maltrattamento animale è un reato che va combattuto, “anche per garantire la salubrità della carne”, come conclude la Innocenzi. Noi siamo quello che mangiamo. E loro sono animali come noi.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome