Home Animali Animalisti Italiani ai Presidenti di Regione: “stop pre-apertura anticipata caccia”

Animalisti Italiani ai Presidenti di Regione: “stop pre-apertura anticipata caccia”

385
CONDIVIDI

“Animalisti Italiani onlus ha inviato una lettera a tutti i venti presidenti di Regione per far rispettare il Calendario Venatorio 2018/2019. Non deve essere concessa alcuna pre-apertura anticipata e tantomeno un posticipo della Stagione di caccia”. Lo afferma in una nota Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani onlus, che ha richiesto un incontro urgente con il Presidente Zingaretti. “Il Rapporto dell’Eurispes, aggiornato al 2018, sottolinea che il 68,5% della popolazione è contrario alla caccia – afferma Caporale – I dati forniti da Istat e Federcaccia danno in costante diminuzione il numero dei cacciatori che, negli ultimi 10 anni, è calato del 60% in rapporto alla popolazione italiana complessiva. Negli ultimi sei anni, in tutta Italia si sono registrati 145 morti e 504 feriti (circa il 20% non cacciatori) a causa di ‘incidenti’ nel corso delle varie battute. Nella stagione venatoria 2017/2018 i morti sono stati ben 30, mentre i feriti 84. La caccia è anche l’unico “sport” che ferisce e uccide le persone stesse. A tale proposito, come ogni anno, al termine della canonica stagione venatoria (31 gennaio), l’Associazione “Vittime della Caccia”, che opera dal 2007, pubblica un dossier relativo alle vittime umane in campo venatorio, o a causa di armi da caccia. Quest’anno (stagione 2017/2018) i dati sono i seguenti: civili non cacciatori, 34, di cui 24 feriti e 10 morti; cacciatori, 80, di cui 60 feriti e 20 morti. Totale: 84 feriti e 30 morti. Tre i minori rimasti vittime, di cui due feriti ed un morto”. “Le centinaia di bossoli – conclude Caporale – abbandonati dai cacciatori contribuiscono all’inquinamento di territori e falde acquifere per via del piombo che vi è all’interno, causa principale di malattie pericolosissime, per uomini, donne e bambini, come il ‘saturnismo’. Per tutti questi fattori, e per la tutela dell’incolumità, anche dei cittadini, abbiamo chiesto a tutti i governatori un atto di coraggio e, allo stesso tempo, di sensibilità sociale: che quest’anno non vengano previsti i provvedimenti di pre-apertura della Stagione Venatoria e di proroga per la chiusura (prevista per la fine di gennaio 2019)”.