Home Animali Pasqua: Vissani denunciato, non rispetta le leggi sulla macellazione degli agnelli

Pasqua: Vissani denunciato, non rispetta le leggi sulla macellazione degli agnelli

8302
CONDIVIDI

(ultimenotizie) – Roma, 20 aprile 2019 – È scontro tra gli animalisti italiani e lo chef Vissani. C’è addirittura qualche onlus che dichiara di aver dato mandato al proprio studio legale di denunciare il gastronomo a seguito delle sue dichiarazioni rese durante la trasmissione “Un giorno da pecora” in onda su Rai Radio 1 lo scorso 19 aprile. Ad oggi risulta depositata solo la denuncia di Daniela Martani, ex gieffina e nota vegana, che di recente ha dichiarato di aver aderito ad Alleanza Popolare Ecologista, e attraverso un comunicato stampa ha rivelato di aver denunciato il critico gastronomico per la violazione delle disposizioni di cui al Regolamento (CE) n. 1099/2009 relativo alle cautele da adottare durante la macellazione o l’abbattimento degli animali. “Daniela Martani ha presentato oggi una denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma per il tramite del Commissariato di polizia Prati contro Gianfranco Vissani per violazione alle cautele da adottare durante la macellazione”. Lo rende noto Rinaldo Sidoli, segretario di Alleanza Popolare Ecologista (Ape).

“L’atto di macellare un animale senza stordimento – spiega – è una violazione dell’art. 4 del D.Lgs. 6 novembre 2013 n. 131, e nel caso di uccisione e maltrattamento di animali si risponde penalmente in base all’art. 544-bis e 544-ter del codice penale. Veicolare un simile messaggio di morte tramite una radio nazionale dello Stato (Radio 1) – indipendentemente dalla veridicità di quanto dichiarato da Gianfranco Vissani a ‘Un giorno da pecora’–, può avere un carattere emulativo. Gli agnelli sono delle piccole creature innocenti che non vanno uccise come sostiene lo chef con ‘un piccolo coltello che possa arrivare al cuore per fare uscire più sangue possibile’. In una festa in cui si dovrebbe celebrare la resurrezione e la vita, questo comportamento è quanto di più lontano si possa immaginare dallo spirito della Pasqua. Dov’è la compassione, la pietà, l’amore e il rispetto per una creatura del Signore? Ci sono delle norme a tutela del benessere degli animali che vanno rispettate”.

“Questo atteggiamento disumano è un indiretto incentivo al maltrattamento animale – commenta nella stessa nota Daniela Martani, responsabile diritti animali di Ape, – che non possiamo tollerare. Al momento esistono solo sanzioni amministrative per chi viola le prescrizioni sulle procedure di macellazione, che nei casi più gravi prevedono una pena pecuniaria del tutto irrisoria di € 6.000. È necessario evitare il consumo di carne o quantomeno ridurlo, non solo per rispetto verso altri esseri senzienti, ma anche per salvaguardare la nostra salute e per tutelare l’ambiente. Dagli allevamenti intensivi proviene il 20% dei gas serra antropici, il 37% del metano e il 65% del protossido d’azoto globali, due dei gas che più contribuiscono all’effetto serra”.

Conclude Martani:”Confidiamo nell’operato dell’Autorità intestata affinché effettuati gli opportuni riscontri, avvii le indagini nei confronti del sig. Gianfranco Vissani, nonché nei confronti di altri eventuali soggetti per le violazioni ovvero ogni altro reato che l’Autorità ritenga essere stato posto in essere alla luce di quanto in precedenza esposto. Troviamo inaccettabile che una emittente del servizio pubblico faccia passare un messaggio violento in palese violazione del codice autoregolamentazione. Chiediamo pertanto ai vertice dell’azienda Rai una nota in cui si dissociano con la speranza che tali personaggi non vengano più invitati”.

Mentre continua la lunga diatriba tra vegani e “carnisti” sul tradizionale agnello di Pasqua si registra un calo nel consumo delle carni ovine. I numeri rimangono sempre alti per gli amanti degli animali, infatti, quest’anno sarebbero andati al macello 2,8 milioni tra pecore e capre, un numero che conferma il trend del 2018. Rispetto a dieci-quindici anni fa il consumo di queste carni è crollato in maniera vertiginosa, con una spesa mensile media di una famiglia di soli 2,47 euro. Stando all’Agricoltural outlook della Commissione Europea il consumo della carne in generale è il 22,38%, in leggera diminuzione (-2 %) rispetto al 2014. Il consumo di carne ovina e caprina sono calati bruscamente, passando dalle oltre 90mila tonnellate del 2006 alle 56mila del 2018 toccando un punto minimo nel 2014.