Home Cronaca Aggressione a sfondo razziale a Roma, 5 ragazzi massacrano di botte un...

Aggressione a sfondo razziale a Roma, 5 ragazzi massacrano di botte un bengalese

373
CONDIVIDI

“Sporco negro. Gli immigrati via dall’Italia”. È iniziata così la spedizione punitiva contro degli stranieri in piazza Benedetto Cairoli a Roma. Gli aggressori cinque ragazzi romani tra i 17 e i 19 anni. Le vittime un cittadino del Bangladesh e un egiziano. Il bengalese, dopo essere stato spintonato, ha provato a rialzarsi e ha ricevuto un calcio in piena faccia riportando una serie di gravi fratture al naso, alle orbite e alla mascella. L’uomo è stato trasportato al pronto soccorso del Fatebenefratelli dove è stato giudicato guaribile in trenta giorni e poi trasferito all’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini. L’allarme è scattato all’incirca alle tre del mattino, quando una volante della polizia è intervenuta per soccorrere un uomo sanguinante a terra nel Parco De La Piazza Benedetto Cairoli, in pieno centro della Capitale. È stato il cittadino egiziano, che si trovava accanto a lui, a raccontare agli agenti quanto accaduto. Annotate le descrizioni degli aggressori, i poliziotti hanno iniziato le ricerche. Dopo 40 minuti si sono imbattuti nel gruppetto che corrispondeva alla descrizione fornita dagli stranieri, si trovavano in via delle Botteghe Oscure. Il 18enne che avrebbe dato il calcio in pieno volto a Kartik Chondro, il giovane bengalese massacrato di botte sabato notte, è stato arrestato per tentato omicidio, gli altri giovani sono stati denunciati per lesioni aggravate e percosse. Sono stati ascoltati in questura assieme ai testimoni che hanno assistito agli insulti e al pestaggio a sfondo razziale. Kartik è il quarto bengalese aggredito in meno di un anno in episodi di razzismo e bullismo a Roma. L’ultimo era stato un lavapiatti di Prati malmenato da un gruppo di ragazzi a Tor Bella Monaca dove era andato a vedere la casa popolare dove doveva andare ad abitare.