Home Automobilismo Auto volanti: Uber firma accordo con la Nasa per la realizzazione di...

Auto volanti: Uber firma accordo con la Nasa per la realizzazione di Uber Elevate

860
CONDIVIDI

Andare in ufficio o ad una serata di gala con la macchina volante non è più un sogno ma sta diventando realtà. Uber il colosso mondiale di trasporto automobilistico privato, ha recentemente firmato un accordo con la NASA per sviluppare sistemi di traffico per la realizzazione di progetti di auto volanti, che dovrebbe iniziare i test nel 2020. Il servizio di trasporto aereo metropolitano si chiamerà “Uber Elevate“. Uber ha affermato di aver firmato un accordo di Space Act con la NASA per lo sviluppo di “gestione del traffico senza equipaggio”. Questa è la spinta della NASA per capire come i sistemi aerei senza equipaggio (UAS), come i droni che volano a bassa quota, possono operare in modo sicuro. Uber vuole realizzare veicoli con sistemi di atterraggio e decollo verticale che voleranno ad a bassa altitudine.

Questa è la prima partnership di partenza con un’agenzia statale federale statunitense. La NASA sta anche lavorando con altre aziende per sviluppare la gestione del traffico per questi veicoli a bassa quota.

UberAir eseguirà molto più voli su base giornaliera di quanto non sia mai stato fatto prima. Per realizzarlo in modo sicuro ed efficiente, sarà necessario un cambiamento fondamentale nelle tecnologie di gestione dello spazio aereo. Combinare le competenze dei software di Uber, con le esperienze di NASA inerenti lo spazio aereo per affrontare questo problema, è un passo importante per Uber Elevate” ha dichiarato Jeff Holden, responsabile del prodotto Uber.

La società di trasporto privato, ha già iniziato a lavorare ad inizio anno con le autorità di Dallas-Fort Worth e di Dubai per portare i suoi taxi volanti in quelle città. Ha anche firmato partnership con produttori di aeromobili e società immobiliari per capire dove poter collocare i siti di decollo e di atterraggio per le vetture volanti.

Uber ha detto affermato di voler far partire il progetto a Los Angeles nel 2020 insieme alle città già annunciate. L’azienda prevede che il prezzo di un viaggio sia competitivo: dovrebbe costare all’incirca come un viaggio effettuato utilizzando UberX e  spera di riucire ad ottenere il servizio taxi di volo prima delle Olimpiadi del 2028 a Los Angeles.