Home Sport Cittadinanza onoraria a Maradona, il rispetto per la vita viene prima del...

Cittadinanza onoraria a Maradona, il rispetto per la vita viene prima del calcio

537
CONDIVIDI

Il Consiglio comunale di Napoli ha votato a maggioranza la cittadinanza onoraria a Diego Armando Maradona, solo quattro i consiglieri partenopei che hanno ribadito il loro voto contrario. La proposta porta la firma Gaudini e Lanzotti, successivamente accolta anche dal consigliere Buono e dal presidente della commissione sport Sgambati. Per il consigliere Gaudini: “Maradona fa parte del corpo e dell’anima di Napoli e dei napoletani. Ha donato ai napoletani, anche quelli che avevano lasciato questa terra la possibilità di vivere un sogno, che ad oggi costituisce ancora un momento indelebile scolpito nella memoria di un popolo intero. Maradona oltre le considerazioni sull’uomo, con tutti i suoi limiti ed errori, è stato comunque l’icona di una battaglia, quella del sud che ha battuto il nord, ha portato la voce di chi in quegli anni voce non aveva”. Risponde la Sinistra capeggiata da Elena Coccia e dal Capogruppo Mario Coppeto che hanno ricordato i tempi in cui il fantasista argentino si faceva foto con il clan Giuliano e pretendono un intervento da parte del Sindaco. Ma Luigi de Magistris è a Roma a firmare il patto con il governo per l’abbattimento delle Vele di Scampia, tra l’altro era un suo sogno nominarlo cittadino onorario di Napoli. Alla fine vince il partito della cittadinanza onoraria. Un grande riconoscimento a un grande giocatore.

Ma l’ex Pibe de oro è anche colui che in una battuta di caccia uccise un “Oryx de Arabia”, una specie di antilope in via d’estinzione. Quella preda mostrata con tanto orgoglio non era neppure un esemplare adulto, bensì un cucciolo con pochi mesi di vita. Il Responsabile Verdi Tutela e salute degli animali, Rinaldo Sidoli: “Il rispetto per la vita è un principio fondamentale della moralità, viene prima del calcio“. Monta la rabbia degli animalisti, ma sono in molti a domandarsi se quella foto sia vera o si tratti semplicemente di un fotomontaggio. Alla domanda risponde David Puente, cacciatore di bufale online: “Alcuni elementi combaciano con l’ex calciatore. Oltre alle ombre e alle luci, che combaciano sia sul terreno che sullo stesso corpo, la corporatura combacia con quella di Maradona, così come i suoi tatuaggi“.

Ci sono molti utenti sul web che ricordano la querelle di Diego Armando Maradona con il Fisco italiano, circa 40 milioni di euro, di cui sei milioni di presunta evasione fiscale e gli altri per gli interessi maturati. Ma la Corte d’Appello Tributaria ha sospeso il giudizio fino al passaggio in giudicato della sentenza della commissione tributaria centrale che dichiarava chiuso con condono il contenzioso.