Home Ambiente Esco unite: ripartiamo con l’efficienza energetica

Esco unite: ripartiamo con l’efficienza energetica

Lunedì 12 si è svolto il secondo appuntamento delle tavole rotonde tra operatori ed istituzioni organizzato da ESCo Unite. Ospite del convegno l’On. Sut, portavoce alla Camera del M5S.

107
CONDIVIDI notizia
ESCo UNITE
ESCo UNITE

Esco Unite, associazione che riunisce numerose ESCo Italiane (Energy Service Company) ha iniziato una serie di tavole rotonde online per agevolare il confronto tra operatori del settore, cittadini e istituzioni. Dopo il primo incontro con il Senatore Gianni Pietro Girotto, lunedì 12 è stato protagonista l’On. Luca Sut, portavoce del M5S e tra i principali promotori del Superbonus 110%.

Un incontro che dopo aver trattato le novità normative riguardanti la norma sul 110% ha avuto un focus sulla questione, che si trascina ormai da tanti anni, dei contenzioni sui certificati bianchi.

La posizione di ESCo Unite, riassunta dall’intervento del Presidente Damiano Ferrari è semplice e diretta: “gli incentivi verso una riqualificazione degli edifici in ottica di sostenibilità ed efficienza energetica sono la strada giusta per coniugare ripresa economica e riduzione dell’inquinamento. Per dare spinta alla filiera però non possiamo pensare di non portare a risoluzione le centinaia di pratiche riguardanti gli interventi passati. Pertanto, ESCo Unite accoglie con favore l’iniziativa dell’On. Luca Sut di presentare un nuovo emendamento al fine di chiarire i passaggi e la posizione del controllore rispetto a quanto già enunciato nel DL Semplificazioni 2020. Un Emendamento che speriamo possa, finalmente, agevolare il lavoro di tutti gli operatori impegnati nel settore e sbloccare i contenziosi tra operatori e GSE”.

Importante la dichiarazione dell’On. Sut durante il Webinar: “quel 97% di pratiche rigettate è un numero troppo alto per pensare che tutti abbiamo svolto interventi sbagliati o fraudolenti. Quest’ultimo emendamento speriamo sia la soluzione finale. Lo auspichiamo in molti e sono sicuro che nei prossimi giorni avremo novità importanti”.

Il meccanismo degli incentivi può veramente essere un volano positivo di crescita economica e miglioramento in chiave ecologica dei nostri edifici. La filiera deve avere regole certe e tempistiche chiare per programmare gli interventi, ma soprattutto per poter dare sicurezze al cliente finale. I cittadini sono restii ad addentrarsi in interventi di questo tipo perché vedono una legislazione complicata e noi operatori dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter fornire loro, non solo un servizio di alto livello, ma soprattutto una sicurezza fondamentale per l’inizio di questi interventi.