Home Politica Coronavirus: Giro, Conte ha detto che tutto in alto mare

Coronavirus: Giro, Conte ha detto che tutto in alto mare

138
CONDIVIDI

la notizia

Francesco Giro
Francesco Giro

“Il buon Dio ci ha dato ben due orecchie per ascoltare e solo una lingua per parlare. Quindi io prima di parlare ho la buona abitudine di ascoltare e ieri Giuseppe Conte in aula al Senato è stato chiarissimo e – devo ammettere – ha detto la verità: che per ora in Europa non c’è un euro vero e sicuro per l’Italia. Sulla linea di finanziamento dal Mes senza condizionalità per le spese sanitarie dirette e indirette, Conte ha praticamente ammesso che deve vedere ancora le regole del “contratto” e sopratutto sul Recovery Fund i soldi ci potranno essere, tanti e subito, ma alle condizioni solite dei Trattati europei che – ha puntualizzato – “non abbiamo certo tempo ora di cambiare!” E non solo: un fondo, il Recovery, privo di condizionalità solo e soltanto per quanto riguarda la quota di cofinanziamento (cioè i soldi li darà l’Europa e lo Stato nazionale non sarà tenuto a dare la sua quota). Ma questi soldi saranno poi inevitabilmente – ha detto Conte – conteggiati e recuperati “dopo” dalle voci del piano europeo pluriennale di finanziamento. Insomma tanti soldi ma poi te li toglierò a tempo debito. Mutualizzazione zero. Quindi non mi sorprendono oggi le ambigue dichiarazioni uscite dalla Commissione di Bruxelles. Ultima chicca ieri in Senato: il Recovery bond – ha detto Conte – è una proposta francese. Già derubricata a “proposta”? Insomma come scriverebbe Ennio Flaiano “la situazione è grave ma non è seria”.