CONDIVIDI

la notizia

Gli ortaggi di stagione de 'Il mondo di Charlie'
Gli ortaggi di stagione de 'Il mondo di Charlie'

Al tempo del Coronavirus molte attività sono state sospese, ma c’è chi grazie ai social ha saputo trasformare una passione in un lavoro ecosostenibile. Parliamo de “Il mondo di Charlie”, presente sia su Instagram che su Facebook, dove è possibile ordinare ortaggi di prima qualità direttamente dal produttore. Corrado Lucifora attraverso le storie su Instagram ed i post su Facebook ci conduce in prima persona alla semina, alla cura e al raccolto delle verdure. Siamo a Noto, in Sicilia, dove un giovane imprenditore si è messo a lavorare la terra come facevano i nostri padri e nonni, senza l’utilizzo di sostanze chimiche.

“Sin da piccolo sono stato a contatto – racconta Corrado – con la natura e l’agricoltura, grazie a mio padre che mi ha trasferito l’amore e il rispetto verso la madre terra e l’uomo. Finito gli studi, sono diventato un agrotecnico. Ho lavorato sempre nell’ambito agricolo, dalla produzione alla commercializzazione in diverse realtà, costruendomi tantissima esperienza. Ma a settembre del 2018, stanco di tutte le varie disavventure e modi di produrre e lavorare, ho deciso di lasciare il lavoro per altre persone e coltivare la mia terra. Mettendo in atto tutta la mia esperienza personale e lavorare la terra come si faceva una volta, dove la cosa principale è il rispetto dell’ecosistema. Senza l’utilizzo di sostanze chimiche di nessun genere, ma sfruttando tutte le risorse che abbiamo a disposizione. Il mio obiettivo è quello di realizzare un’azienda agricola totalmente ecosostenibile”.

Fare un ordinativo è molto semplice, basta accedere ai suoi profili social e contattarlo con un messaggio. Corrado risponde sempre nel più breve tempo possibile. Generalmente al costo di 30 euro, pagamento via PayPal, invia una scatola di cartone da 120x80x60 con una selezione di ortaggi di stagione suddivisi ognuno da un sacchetto riciclato di carta. Chi volesse acquistare direttamente nella sua campagna dovrà sostenere una spesa di 15 euro.